Pubblicit

Marted 5 Luglio 2022    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
Verona Sette News
2022-07-04 Torna Nabucco col teatro nel teatro al 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 2022-07-04 IN AUMENTO LE CONCENTRAZIONI DI OZONO NELL’ARIA. I CONSIGLI PER LA SALUTE 2022-07-03 SICCITA'. SCATTANO I DIVIETI PER L'USO DELL'ACQUA POTABILE 2022-07-03 Nuovo vescovo di Verona è mons. Pompili, già vescovo di Rieti. Il saluto del presidente di Regione Veneto, Zaia. Con Lui, “porterà frutto quanto seminato da mons. Giuseppe Zenti”! 2022-07-03 Camera di Commercio, Verona. Numeri in netta ripresa, sulla sponda veronese del Lago di Garda. 2022-07-02 Mons. Domenico Pompili è il nuovo vescovo di Verona 2022-07-01 MILANO-CORTINA 2026. PRIMO SOPRALLUOGO IN ARENA DEGLI ADDETTI AL CERIMONIALE DEL COMITATO OLIMPICO INTERNAZIONALE 2022-07-01 XII Festival degli Organi Storici Veronesi - Edizione 2022. Oltre 20 gli appuntamenti in calendario, alcuni, dei quali, ospitati anche nel centro storico di Verona. Partnership con la Società Amici della Musica. 2022-07-01 VI edizione di “Corteggiando in Valdadige”, a Brentino Belluno, Verona, sabato e domenica, 2 e 3 luglio 2022, e “Premio Calzolari”, a Rivoli Veronese, domenica, 10 luglio. Due territori da conoscere e da apprezzare. 2022-07-01 “OK OBBLIGO POS, MA SIANO ABBASSATI ONERI BANCARI E AUMENTATO IL CREDITO DI IMPOSTA PER GLI ESERCENTI” 2022-06-30 VERONAFIERE: SI CONCLUDE OGGI IL MANDATO DI GIOVANNI MANTOVANI ALLA DIREZIONE GENERALE 2022-06-30 ATTENZIONE AI FALSI AVVISI VIA MAIL DI NOTIFICA MULTE 2022-06-30 'IL MERCANTE DI VENEZIA' CON FRANCO BRANCIAROLI APRE IL FESTIVAL SHAKESPEARIANO. TORNANO DOPO DUE ANNI I GRANDI ALLESTIMENTI 2022-06-30 A VERONETTA SERATA JAZZ CON IL GRANDE SWING 2022-06-30 ARRESTATO LADRO SERIALE DI BICICLETTE
ADIGE TV: Home Verona Sette News Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest

Info Verona



















Luned 11 Aprile 2022
CGIA Mestre: Famiglie indebitate, per oltre 22 mila euro. Preoccupa il rischio usura.

“Cresce il debito delle famiglie italiane1. Al 31 dicembre 2021, esso ammontava complessivamente a 574,8 miliardi di euro (+21,9 miliardi rispetto a un anno prima). L’importo medio per nucleo famigliare era di 22.237 euro; se confrontato con il dato di 12 mesi prima, la variazione è stata positiva e pari a 851 euro. A preoccupare l’Ufficio studi della CGIA, comunque, non è tanto ciò, che si è in grado di misurare, ma quello che non si riesce nemmeno a intravedere; come, ad esempio, il rischio usura. Un fenomeno, quest’ultimo, che, da sempre, è difficilmente dimensionabile, anche quando si hanno dati statistici recenti, sul numero di denunce notificate alle forze dell’ordine. Figuriamoci ora, che gli ultimi dati disponibili sono riferiti a un paio di anni fa. Ancorché lo stock dei debiti sia in aumento e gli effetti negativi del caro vita e del caro bollette siano esplosi, solo dopo l’inizio di quest’anno, la situazione è critica, ma non drammatica. E’ probabile che l’incremento sia in parte riconducibile alla forte ripresa economica avvenuta l’anno scorso. Va altresì segnalato che le aree provinciali più indebitate sono anche quelle che presentano i livelli di reddito più elevati. Sicuramente in queste realtà tra gli indebitati ci sono anche nuclei appartenenti alle fasce sociali più deboli. Tuttavia, le forti esposizioni bancarie di questi territori potrebbero essere legate ai significativi investimenti avvenuti negli anni scorsi nel settore immobiliare che, ovviamente, sono riconducibili a famiglie benestanti. Altra cosa, invece, è interpretare i dati del Mezzogiorno; benché, in termini assoluti, la situazione sia meno critica che nel resto del Paese, il peso dell’indebitamento delle famiglie più povere è sicuramente maggiore che altrove. Va altresì ricordato che la maggiore incidenza del debito sul reddito si registra nelle famiglie economicamente più deboli, ovvero in quelle a rischio povertà ed esclusione sociale. I dati dell’Istat ci dicono, inoltre, che le crisi che si sono succedute, dal 2008 in poi, hanno aumentato il numero dei nuclei familiari in difficoltà economica, visto che gli effetti di questi choc economici hanno aumentato il divario tra poveri e ricchi. L’aumento esponenziale dei prezzi, il caro carburante e quello delle bollette energetiche potrebbero peggiorare notevolmente la situazione economica di tantissime famiglie italiane. Segnaliamo, in particolar modo, che molti artigiani, piccoli commercianti e partite Iva stanno pagando due volte lo straordinario aumento registrato in questi ultimi 6 mesi dalle bollette di luce e gas. La prima come utenti domestici e la seconda come piccoli imprenditori, per riscaldare e illuminare le proprie botteghe e negozi. Una situazione che, per molte attività, sta diventando impossibile da sostenere. Con le sole denunce effettuate all’Autorità giudiziaria non è possibile dimensionare l’usura. Questo fenomeno è molto “carsico”; chi finisce nella rete di questi criminali spesso ha paura di denunciare i suoi aguzzini perché teme per l’incolumità propria e dei suoi familiari. E con la crisi economica ormai nuovamente alle porte, anche le forze dell’ordine denunciano da tempo molti segnali di avvicinamento delle organizzazioni criminali al mondo dell’imprenditoria. In particolar modo di quella composta da artigiani, negozianti e partite Iva. Lavoratori autonomi che si indebitano per poche migliaia di euro, ma nel giro di qualche mese si trovano nell’impossibilità di restituire questi soldi, perché nel frattempo gli interessi hanno raggiunto livelli spaventosi. Sono queste, secondo l’Ufficio studi della CGIA, le realtà più a rischio.  Questo dimostra che lo Stato deve intervenire con massicce dosi di liquidità, altrimenti molte imprese cadranno prigioniere di questi fuorilegge. Non solo, ma è necessario incentivare il ricorso al “Fondo per la prevenzione” dell’usura. Uno strumento, quest’ultimo, presente da decenni, ma poco utilizzato, anche perché sconosciuto ai più e, conseguentemente, con scarse risorse economiche a disposizione. Le famiglie più in “rosso” sono ubicate nella provincia di Milano, con un debito medio di 33.523 euro; al secondo posto scorgiamo quelle di Monza-Brianza, con 31.547 euro, e al terzo posto le residenti a Bolzano, con 30.643 euro. Appena fuori dal podio notiamo quelle di Roma, con un debito medio che ammonta a 30.441 euro, quelle di Como, con 29.564 euro e quelle di Prato con 29.310 euro.  Tra le meno esposte, invece, segnaliamo le famiglie residenti nella provincia di Reggio Calabria, con un’esposizione di 10.712 euro, quelle di Agrigento, con un debito di 10.185 euro e quelle di Vibo Valentia, con 9.964 euro. Infine, le famiglie meno indebitate d’Italia si trovano a Enna, con un “rosso” pari a 9.468 euro”. Considerazioni, quelle sopra dettagliatamente esposte da CGIA Mestre, che fanno profondamente riflettere e che turbano fortemente gli animi, dopo i danni, creati dal terribile Covid 19 – speriamo che non torni a fasi ancora sentire! – e quelli, che stanno creando, a livello globale, il rincaro dell’energia elettrica e del gas, la carenza di certi materiali e prodotti per l’industria, l’aggressione russa all’Ucraina, accompagnata da quotazioni difficili da sostenere, di mais, frumento e soia. Ma, il peggio, che il dettagliato comunicato di CGIA ci prospetta, è una possibile diffusione del rischio usura, per famiglie e piccole aziende. Ad evitare il diffondersi di tale pesante fenomeno, scrive, sopra, CGIA, “lo Stato deve intervenire con massicce dosi di liquidità, altrimenti, molte imprese cadranno prigioniere... Non solo, ma è necessario incentivare il ricorso al “Fondo per la prevenzione” dell’usura…”. Chi avrebbe mai pensato che, nel 2022, ci saremmo trovati, in queste dure condizioni? Famiglie ed imprese sono alla base della società… Speriamo di farcela!
Pierantonio Braggio




Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di Verona
IN AUMENTO LE CONCENTRAZIONI DI OZONO NELL’ARIA. I CONSIGLI PER LA SALUTE
Torna Nabucco col teatro nel teatro al 99° Arena di Verona Opera Festival 2022
Camera di Commercio, Verona. Numeri in netta ripresa, sulla sponda veronese del Lago di Garda.
Nuovo vescovo di Verona è mons. Pompili, già vescovo di Rieti. Il saluto del presidente di Regione Veneto, Zaia. Con Lui, “porterà frutto quanto seminato da mons. Giuseppe Zenti”!
SICCITA'. SCATTANO I DIVIETI PER L'USO DELL'ACQUA POTABILE
Mons. Domenico Pompili è il nuovo vescovo di Verona
“OK OBBLIGO POS, MA SIANO ABBASSATI ONERI BANCARI E AUMENTATO IL CREDITO DI IMPOSTA PER GLI ESERCENTI”
VI edizione di “Corteggiando in Valdadige”, a Brentino Belluno, Verona, sabato e domenica, 2 e 3 luglio 2022, e “Premio Calzolari”, a Rivoli Veronese, domenica, 10 luglio. Due territori da conoscere e da apprezzare.
XII Festival degli Organi Storici Veronesi - Edizione 2022. Oltre 20 gli appuntamenti in calendario, alcuni, dei quali, ospitati anche nel centro storico di Verona. Partnership con la Società Amici della Musica.
MILANO-CORTINA 2026. PRIMO SOPRALLUOGO IN ARENA DEGLI ADDETTI AL CERIMONIALE DEL COMITATO OLIMPICO INTERNAZIONALE
Damiano Tommasi ufficialmente proclamato, oggi, 29.6.22, nuovo Sindaco di Verona.
ARRESTATO LADRO SERIALE DI BICICLETTE
A VERONETTA SERATA JAZZ CON IL GRANDE SWING
'IL MERCANTE DI VENEZIA' CON FRANCO BRANCIAROLI APRE IL FESTIVAL SHAKESPEARIANO. TORNANO DOPO DUE ANNI I GRANDI ALLESTIMENTI
ATTENZIONE AI FALSI AVVISI VIA MAIL DI NOTIFICA MULTE
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Guarda tutti

Pubblicit
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up