Pubblicità

Domenica 5 Luglio 2020    
ADIGE Estero  
Budapest   
Opere | Testate | Redazione | Contatti
 HOME | Photogallery | VideoGallery | Segnalati da voi | I più visti
2020-07-03 ARSENALE. LA POLITECNICA DI MODENA SI AGGIUDICA PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI. CHIUSA ANCHE L’INDAGINE PER LA BONIFICA 2020-07-03 OSPITI FUORI DAL COMUNE. BANCO BPM CONCEDE IN PRESTITO MATERNITÀ DI PREVIATI ALLA GALLERIA D’ARTE MODERNA 2020-07-03 I NEO AGENTI DELLA POLIZIA LOCALE AL POLIGONO PER LA PROVA CON L'ARMA DA FUOCO. ASS. POLATO: "CONTINUIAMO A INVESTIRE SULLA SICUREZZA" 2020-07-03 NUOVE STRATEGIE PER LA RIPARTENZA. L’ASSESSORE BRIANI A PARMA ALLA PRIMA RIUNIONE OPERATIVA DEL TI-BRE TURISTICO 2020-07-02 ISTRUZIONE, PRIMO OSSERVATORIO PERMANENTE SUI BISOGNI DEI RAGAZZI. DA OGGI ADERISCE ANCHE UNIVERSITA' 2020-07-02 CASSONETTI INTELLIGENTI. RACCOLTA DIFFERENZIATA AUMENTATA DEL 31 PER CENTO. SINDACO: "SFIDA VINTA, VERONESI BRAVI. COSI' PIU' RISPARMI E MENO DISCARICA" 2020-07-02 PER TUTTO LUGLIO MERCATO DI PIAZZA ERBE APERTO IL WEEKEND. AUMENTANO DA 106 A 140 I BANCHI AL MERCATO ANTIQUARIATO DI SAN ZENO 2020-07-02 PARCO DELLA CULTURA URBANA. SVELATO IL PROGETTO VINCITORE DEL CONCORSO 2020-07-02 UN RICONOSCIMENTO A MARGOT KAPFENBERGER, ‘PONTE TRA VERONA E SALISBURGO’ 2020-07-02 MASCHERINE PER LE VISITE DOMICILIARI. L’ORDINE DEI TECNICI DI RADIOLOGIA, RIABILITAZIONE E PREVENZIONE TUTELA I LIBERI PROFESSIONISTI 2020-07-02 POLIZIA LOCALE. INCENDIO IN APPARTAMENTO IN CORSO PORTA NUOVA 2020-07-02 SMONTAGGIO GRU IN VIA DEI MILLE. LUNEDÌ 6 LUGLIO INTERRUZIONE VIABILITÀ 2020-06-30 A Padova la grande sfida di Van Gogh 2020-06-30 COVID. PREVEDERE IL VERIFICARSI DI NUOVI CONTAGI CON IL PROGETTO FATE. SINDACO “NON CI FAREMO TROVARE IMPREPARATI. SE VI SARA’ UNA RICOMPARSA INTERVERREMO CON EFFICACIA” 2020-06-30 POLIZIA LOCALE. RAFFICA DI INCIDENTI STRADALI, BEN 19 DA VENERDI' A OGGI. UN CICLISTA IN PROGNOSI RISERVATA
ADIGE TV: Home Ricerca  
sul sito su
Verona
Vicenza
Venezia
Rovigo
Treviso
Padova
Udine
Cult
Pordenone
In Piazza
Trieste
Cagliari
Obiettivo Territorio

Estero
Budapest




















Venerdì 15 Ottobre 2010
L'ossessione del nemico

Santoro Michele dice le parolacce: nota e sospensione. Il direttore generale della Rai come un supplente in una scuola media di periferia. Periferia cui ci avviciniamo pericolosamente. Le cose che accadono in Italia, infatti, non succedono nell'Europa che conta.
Che la punizione inflitta ad Annozero sia sbagliata, è ovvio. Che il suo narcisistico conduttore conosca i vantaggi del martirio, è evidente. Che tutto ciò c'impedisca di vedere come la rissa abbia sostituito la discussione, è preoccupante.
Abbiamo finito per considerare fisiologico ciò che è patologico: il giornalismo come forma di lotta politica. È questo il mostro che s'aggira per i nostri schermi e sulle nostre pagine, e prende molte forme: il disprezzo per le opinioni altrui, la paura del diverso, l'aggressività come prova di virilità professionale.
Il neogiornalismo usa toni più adatti alla curva balcanica di Marassi che al dibattito in un Paese civile. Come se non bastasse, se ne vanta. Chiama pavidità il rispetto, coraggio l'arroganza, franchezza l'insolenza, coerenza lo schieramento preventivo. La scelta di non avere amici e nemici a scatola chiusa - la base del mestiere, il motivo per cui molti l'hanno scelto - per i neogiornalisti non è onestà intellettuale: è ipocrisia.
Nel meccanismo democratico i media sono un contrappeso necessario. Basta ricordare come il potere - dovunque - non ami essere controllato, giudicato, criticato. Nelle democrazie, deve accettarlo; nelle autocrazie e nelle dittature, riesce a impedirlo.
Perché molti media hanno rinunciato a essere un contropotere? Per due motivi. Il primo: hanno capito che una parte del pubblico vuole sentire (leggere, vedere) chi gli dà ragione. Non accade solo in Italia: la partigiana Fox News, non la classica Cnn, fa ascolti e soldi negli Stati Uniti. Ma noi siamo avanti. C'è chi non vuole dubbi: pretende conferme e rassicurazione. La tradizione antagonistica ha fatto il resto: dateci un avversario, e siamo felici.
Il secondo motivo: la politica italiana ha molto da offrire alla professione giornalistica, più di quanto la politica tedesca, francese o britannica possa offrire ai colleghi di quei Paesi. Anche a Berlino, a Parigi e a Londra il governo spera di ottenere una copertura favorevole dai giornali; e scruta quanto viene detto in tv in prima serata. Ma non può distribuire dozzine di direzioni.
È inutile nasconderselo. Il controllo dei partiti sulla televisione pubblica s'è esteso a quella privata; la pressione sugli editori riesce a condizionare i giornali e gli altri media. La politica italiana - non da oggi - tenta di lusingarci, spaventarci, sfruttarci, comprarci. Di fronte, spesso, non trova orgoglio professionale, ma vanità, astuzia e parzialità. Talvolta, purtroppo, il cartellino del prezzo.
La novità, qual è? Il neogiornalismo sta acquistando forza, la politica ne sta perdendo. Il sequestrato sequestrerà i sequestratori: non manca molto. I media militanti non avranno più bisogno di sostenere la politica: la sostituiranno. Non offriranno favori, ne pretenderanno. Non seguiranno un'agenda, la detteranno. Già oggi ascoltano poco le segreterie dei partiti: le invitano in tv. Non registrano le urla della politica: urlano di più.
Il risultato sta intorno a noi, lo respiriamo ogni giorno. Parole tossiche che chiamiamo discussioni.



Commenti
Nome
Email
Commento
Altre notizie di
Sesso orale e tumore della bocca Esiste un collegamento
Le torture dei soldati indonesiani agli indigeni della Papua Video 1-2
Annozero, Gasparri contro Ghedini «Colpito da sindrome di Stoccolma»
A dieta ferrea per mesi, muore 36enne
Cancro al polmone, italiane incoscienti Solo tre su cento si sentono a rischio
Bloccato oleodotto aeroporto di Parigi
«Faccio la cavia umana per 600 euro»
Marchionne: «Volkswagen
Il caso Dandini e l'identità di Raitre
Scontro di opinioni da Lilli Gruber
«Mi sono fermato per motivi umanitari»
Il Papa: «Gli inglesi si opposero al nazismo, ora non cedano al laicismo»
Fiat, via libera alla scissione
Il sindaco «La Lega non c'entra.
Afghanistan: incriminati 5 soldati Usa, uccidevano civili per divertimento
LA RIVISTA

VIDEO NEWS

SEGNALATI DA VOI
Pearl Jam - Arena, Verona 16.9.2006
Inviato da:
Mauro71
Guarda tutti

Pubblicità
  La redazione La tua pubblicità Contatti Mission Legal
  Login
  Log In / Sign Up



 
 
© Editrice Verona Autorizzazione Tribunale di Verona n. 1566 del 11.11.03